Moncler Cap Bestellen

Soltanto pochi mesi fa molti pensavano che Sergio e la sua famiglia fossero molto fortunati: la vendita dell’azienda al re del lusso, Bernard Arnault, aveva fruttato miliardi. Ma Sergio, quando ci siamo visti in mezzo alle bellezze di Firenze, non era, non poteva essere felice. E quelle sue parole (io non avrei voluto, ma sono stato costretto) in mezzo ad altre piene dei ricordi delle nostre vacanze a vela di tante estati fra Simi e Kastellorizo mi entrarono in testa come un tormento, anche se, quasi ritraendosi dalla mezza ammissione, Sergio aveva ampiamente razionalizzato la decisione: il nostro competitor Herm mi disse, ma loro fatturano miliardi e noi non siamo ancora a uno, per cui per competere dovevamo allearci.

PIAZZA AFFARI SALE (+0,33%) SUI NUOVI MASSIMI DAL 2011, PRIMA DELLA CRISI DELLO SPREAD. Quando cio era esplosa la crisi dello spread e l premier Silvio Berlusconi era stato costretto a cedere il posto al governo tecnico di Mario Monti. Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,33% a 22.502,97 punti, mentre lo spread tra rendimenti dei decennali italiani e tedeschi ha chiuso a 149 punti, in leggero rialzo rispetto a ieri..

L’Ibex 35 ha rotto al ribasso quota 10mila. Piazza Affari ha invece risentito degli scivoloni accusati dai titoli delle banche, dopo la nuova stretta della Banca centrale europea sui crediti deteriorati: quelli maturati a partire dall venturo dovranno essere coperti al 100%. Più nel dettaglio la copertura totale sui crediti deteriorati non garantiti deve avvenire nell’arco di due anni, quella sui crediti garantiti entro sette.

Milano, 18 gennaio 2016 I titoli bancari affondano Piazza Affari in una giornata complicata per le Borse europee. Come era prevedibile, dopo il crollo dei listini del Golfo e in scia alla picchiata del prezzo del petrolio (Brent al minimo dal 2003), i mercati hanno virato al ribasso. Milano è maglia nera d’Europa: l’indice Ftse Mib ha azzerato tutti i guadagni dell’ultimo anno ed è ritornato sui livelli di gennaio 2015, chiudendo a 18.686 punti ( 2,65%).

Gi Exor ( 2,38%) che attende le evoluzioni della vicenda PartnerRe. Meno evidenti le flessioni nell Eni termina a 0,94% ed Enel a 1,41%. Scende Telecom ( 2,71%), mentre sta per partire l di Inwit, la societ delle torri di trasmissione. Just to sprinkle on that extra bit of glam, there will be vintage jewelry curated by Sweet Spark. And, a pie baking demo and contest with the sweet trio from Three Babes Bakeshop in the absolute perfect match for our mood. Sharp the winner takes home $200 big ones.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento